Soft Skills per il governo dell'agire

Il tema delle soft skills, con limiti e potenzialità, rappresenta una riproposizione delle virtù in chiave contemporanea. 


L'intento di questo testo - così come la strategia formativa della Fondazione Rui negli ultimi dieci anni - è quello di cavalcare questa opportunità inserendo il tema in un approccio in cui il ruolo guida viene assunto dalla sapienza e dalla saggezza. Insomma lo scopo è inserire le soft skills nel grande filone sapienziale che rappresenta il meglio che ogni cultura umana ha elaborato sull'arte di vivere. Un approccio non normativo, ma esortativo; non descrittivo, ma interpretativo; non positivistico, ma realista.


In questo senso, l'opera si rivolge prima che allo studioso, proprio all'imprenditore, al politico, all'uomo d'azione, al padre di famiglia e alla donna che cerca di conciliare i suoi molteplici ruoli, o semplicemente a chi abbia l'ambizione e la voglia di cimentarsi nel tentativo di governare, almeno in parte, il senso della propria esistenza... che poi è la vera impresa che tutti accomuna.


In generale, l'approccio qui sostenuto alle soft skills propone un atteggiamento proattivo nei confronti della propria esistenza e del contesto sociale di riferimento, che si caratterizza per l'immergersi nel mondo, nell'accettare le sue sfide, nel giocare con le sue regole, liberandosi dai condizionamenti del contingente per sfidare se stessi, il mondo e soprattutto il proprio quotidiano in una gara al miglioramento, alla scoperta di sempre nuove potenzialità, al raggiungimento di nuove mete.



Cristiano Ciappei è professore ordinario di Strategie e Valore di Impresa e di Etica di Impresa presso il Dipartimento di Economia e Management dell'Università degli Studi di Firenze. Direttore del Master Facility Management for Global Care all'Università Campus Bio-Medico di Roma dal 2006 al 2010, è stato presidente della Fondazione Rui dal 2004 al 2013. Tra i lavori in cui adotta un approccio sapienziale agli studi imprenditoriali: Autonomia e assetti d'impresa (1990); Il governo imprenditoriale (2003); Il realismo strategico nel governo d'impresa (2005); Etica d'impresa (2006); Il potenziale strategico (2008); Innovazione e brokeraggio tecnologico (2010); La mitopoiesi della marca moda (2012); Ethical Judgment and Radical Business Changes (2014).


Maria Cinque è ricercatrice della Fondazione Rui e docente di Metodologie didattiche e comunicative presso l'Università Campus Bio-Medico di Roma. Si occupa di formazione e coaching degli studenti universitari, metodologie dell'autoapprendimento e dell'autoaggiornamento, comunicazione multimediale e applicazioni multimediali per la didattica (Dottorato di ricerca presso l'Università di Udine). Tra le sue pubblicazioni: Agire creativo (FrancoAngeli, 2010), E-teaching (Palumbo, 2011), Soft skills in action (Euca, 2012), In merito al talento (FrancoAngeli, 2013).


Leggi l'anteprima e acquista il libro sul sito della casa editrice FrancoAngeli.

Privacy Policy